Dietro le quinte: illustratori in background

di Andrea Alemanno 11 mar 2015 Magazine Recensioni
Foto di Andrea Alemanno
  Foto di Andrea Alemanno

Ogni tanto mi guardo indietro e penso a come ho iniziato ad appassionarmi all'illustrazione.

Le prime immagini che mi colpirono vennero da alcuni libri che avevo in casa.
Poi arrivò internet con un modem a 56k e tutto cambiò.

Grazie a quel ronzìo analogico conobbi alcuni degli illustratori che altrimenti non avrei mai conosciuto.

Non scorderò mai quella volta in cui alcuni professori, decisamente noti, mi fecero una domanda che ancora immagino come la scena di un film.

INTERNO - GIORNO

Una stanza quadrata con un tavolo a ciambella di un colore verde scuro.
La luce da due finestroni entrava per scontrarsi sulla parete alle spalle dei miei esaminatori.
Ne ricordo almeno 4, ma forse erano 6, o 7.

La voce del mio interlocutore era profonda e sicura di sé:
"Quali sono i tuoi illustratori preferiti?"

La mia risposta, forse in un eccesso di saccenza, fu:
"Non credo che li conosciate."

Ne snocciolai qualcuno.
Il risultato non deluse la mia saccenza.

Quei nomi, per me importantissimi, non erano conosciuti o non così tanto da essere ricordati in quella stanza in cui c'erano persone che ritengo inarrivabili.

Questa cosa mi ha sempre sconvolto.

Faccio decisamente schifo coi nomi, eppure alcuni mi sono entrati in testa come chiodi in una parete, e quell'evento mi ha dato sempre da pensare per due motivi:

  1. il percorso d'ispirazione di ognuno di noi è decisamente personale;
  2. il mio percorso, che mi ha portato all'illustrazione, sopratutto per l'infanzia, nasce da artisti che con l'infanzia non hanno nulla a che fare.

E proprio di quel percorso e di quegli artisti che voglio parlare qui con voi nei prossimi articoli.

Molti degli artisti che seguo e che mi hanno ispirato derivano da ambienti che spesso nell'ambito dell'illustrazione, sopratutto stampata, vengono ignorati.
Illustratori che in qualche modo abbiamo conosciuto, visto e in alcuni casi molto lampanti ci hanno fatto sbattere gli occhi come innamorati.

Spero vivamente di avervi messo l'acquolina in bocca perché vi basterà seguire i miei prossimi articoli per saperne di più!

A prestissimo!

Andrea Alemanno

Foto di Andrea Alemanno

Andrea o meglio Andreo, perché essendo maschio deve finire per "O". Nomade da sempre e disegnatore dall'alba dei tempi. Da qualche anno anche illustratore. Amante di giochi, fumetti, libri e carta anche se disegna in digitale e ha paura dell'acrilico.

Ad un Tratto siamo anche Social